Passa ai contenuti principali

Ahimè! [a tre voci] | Alessandra Messali

Ahimè! [a tre voci] | Alessandra Messali
A cura di ARTECO (Beatrice Zanelli)
16 novembre 2019
Archivio di Stato di Torino | Sezione Corte | Sale Juvarriane
Piazza Castello 209, Torino


ARTECO è lieta di annunciare Ahimè! [a tre voci] di Alessandra Messali (Brescia, 1985),
la seconda restituzione della residenza present_continuous, a seguito della prima
SCHULD di Ryts Monet (Enrico De Napoli) curata negli spazi privati di Palazzo Frichignono
in occasione di Artissima 2019. La residenza è stata concepita come dispositivo per attivare
una riflessione a partire da un fondo di incisioni conservato presso la Biblioteca Nazionale
Universitaria di Torino e portare alla luce un nucleo di eccellenza, ordinato in album negli
anni sessanta dell’Ottocento dall’eclettico collezionista e conoscitore piemontese Giovanni
Volpato.


In un periodo storico in cui le nuove possibilità di archiviazione digitale stanno
inevitabilmente portando a un cambio di paradigma nel rapporto tra l’uomo e la
conservazione dei beni tangibili, Messali prende in esame la concezione archetipica
dell’archivio. A partire dalla fascinazione per le sale Juvarriane, ancora oggi depositi
dell’Archivio di Stato di Torino - Sezione Corte, l’artista crea un dialogo tra l’opera video,
le boiserie e le grandi scale lignee per il recupero dei materiali archivistici.
I gesti dei conservatori e ricercatori si tramandano nel rapporto con i materiali e gli
spazi che li ospitano. Le scale amovibili e modulari suggeriscono un moto d’ascesa e
discesa, perpetuato dai corpi nel tempo.
Partendo dall’analisi sul ruolo di casualità e discontinuità della definizione del patrimonio
storico-artistico, nonché dall’idea di archivio come corpo biologico che circoscrive il nostro
rapporto con i beni materiali, l’artista sviluppa l’opera video Ahimé! [a tre voci]: attraverso
una narrazione scandita in quattro capitoli. Un lavoro che pone in dialogo la pretesa di
sopravvivenza insita nell’uomo e i concetti di transitorietà e caducità, sintomatici
dell’esistenza.

Sarà presente la pubblicazione che raccoglie l’intero progetto Present Archives. Riflessioni
a partire da un fondo di stampe, curata da ARTECO ed edita da a+mbookstore edizioni e
VIAINDUSTRIAE publishing.

La mostra sarà visitabile solo ed esclusivamente su appuntamento.



Ahimè! [a tre voci] | Alessandra Messali
A cura di ARTECO (Beatrice Zanelli)
Progetto site specific della durata di un giorno | sabato 16 novembre 2019, h. 9.30
Archivio di Stato di Torino | Sezione Corte | Sale Juvarriane

Piazza Castello 209, Torino
Apertura su appuntamento
• sabato 16 novembre 2019 dalle 9.30 alle 13
Orari di ingresso (ogni ingresso per un massimo 25 persone)
9.30 | 10.00 | 10.30 | 11.00 | 11.30 | 12.00 | 12.30

Per prenotazioni
mail stampa.arteco@gmail.com - cell. 333 2305927

Ingresso gratuito

Ufficio stampa: Daniele Licata
mail stampa.arteco@gmail.com | licata.daniele.dl@gmail.com - cell. 333 3594947
www.associazionearteco.it @artecotorino

Post popolari in questo blog

SALONE DEL VINO DI TORINO

SALONE DEL VINO DI TORINO Esplora il Piemonte attraverso i suoi vini  2, 3 E 4 MARZO 2024 II edizione Torna il Salone del Vino di Torino, da sabato 2 a lunedì 4 marzo. Da martedì 27 febbraio il palinsesto del Salone OFF, con una settimana di eventi diffusi in tutta la città Il Salone del Vino di Torino cresce: 500 le cantine attese, tra weekend di esposizione ed eventi OFF, e più di 100 gli appuntamenti in città. Nasce inoltre un comitato scientifico www.salonedelvinotorino.it   Torino, 12 febbraio 2024 - Il Salone del Vino di Torino giunge alla sua II edizione da sabato 2 a lunedì 4 marzo all’interno di due spazi espositivi: le OGR Torino e il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano. Ad anticiparlo, una settimana di eventi diffusi in tutta la città all’interno di un ricco palinsesto OFF del Salone, che da quest’anno ruota attorno a due sedi principali, Il Circolo dei lettori e Combo Torino. Sono infatti oltre 100 gli appuntamenti in programma da martedì 27 febbraio che accompagnano

Robert Capa e Gerda Taro: la fotografia, l’amore, la guerra

Robert Capa e Gerda Taro: la fotografia, l’amore, la guerra 14 febbraio – 2 giugno 2024 A cura di Walter Guadagnini e Monica Poggi CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia presenta la mostra Robert Capa e Gerda Taro: la fotografia, l’amore, la guerra nelle sale del Centro espositivo di via delle Rosine a Torino dal 14 febbraio al 2 giugno 2024. Un’altra grande mostra - dopo le personali dedicate a Eve Arnold, Dorothea Lange e André Kertész - che racconta con oltre 120 fotografie uno dei momenti cruciali della storia della fotografia del XX secolo, il rapporto professionale e affettivo fra Robert Capa e Gerda Taro, tragicamente interrottosi con la morte della fotografa in Spagna nel 1937. Fuggita dalla Germania nazista lei, emigrato dall’Ungheria lui, Gerta Pohorylle ed Endre – poi francesizzato André – Friedmann (questi i loro veri nomi) si incontrano a Parigi nel 1934, e l’anno successivo si innamorano, stringendo un sodalizio artistico e sentimentale che li porta a freque

Mythos: Creature Fantastiche” inaugura a Torino

La nuova mostra “Mythos: Creature Fantastiche” inaugura a Torino, la capitale italiana dell'Esoterismo La Città Magica ospita la prima esposizione nel suo genere dal 7 marzo al 7 luglio 2024 presso le Antiche Ghiacciaie di Porta Palazzo al Mercato Centrale Torino.  Il fascino millenario di Torino si arricchisce di un nuovo capitolo di mistero e meraviglia con l'arrivo di Mythos: Creature Fantastiche, un'esperienza straordinaria che apre le porte delle Antiche Ghiacciaie di Porta Palazzo presso il Mercato Centrale Torino a partire dal 7 marzo 2024. La nuova mostra è pronta a svelare per la prima volta i segreti della magia bianca e delle creature leggendarie che popolano l'immaginario collettivo proprio nella città di Torino, la capitale italiana dell'esoterismo.  Nei miti le divinità e le figure leggendarie prendono vita e si trasformano, assumendo spesso forme ibride composte da animali reali, fantastici e anche da parti umane, creando così entità che incarnano le