Passa ai contenuti principali

qui non si muore - Recensione


Dopo esser stati invitati all'anteprima, al cinema massaua Cityplex di Torino, condividiamo con voi questa recensione del film "qui non si muore", seconda opera del regista torinese Roberto Gasparro, che ha vinto il premio miglior sceneggiatura al ‘Festival Internazionale del Cinema di Salerno’.
Un film indipendente, risultato di molti sacrifici, che non ha nulla da invidiare alle etichette più blasonate. 






Gasparro ha dato l'opportunità anche ad attori emergenti che sono stati diretti con maestria, fondamentale è stata sopratutto la scelta della location, il paese Montiglio Monferrato di soli 39 abitanti(nel film), in provincia di Asti, un paese senza giovani, senza vita, senza futuro. 

Il film racconta la storia di Simone Ranieri(il bravissimo Alessandro Gamba), candidato sindaco, a sua insaputa, in un paese di "vecchi", Montiglio appunto.
Il protagonista però è Don Gaetano interpretato da  Tony Sperandeo noto attore televisivo e cinematografico,  che qui interpreta il ruolo del parroco del paese, poi c'è Margherita Fumero (la mamma del sindaco), Franco Barbero, Lina Bernardi, Sergio Serra, Gianni Parisi poi la davvero simpatica partecipazione del "webstar" Paolo Noise, ed altri volti noti come Wladimiro Tallini, Vito Gioia, Mauro Villata, e tanti altri. 

Il tema principale è il diritto alla felicità che tutte le persone devono avere, non sancito però dalla nostra costituzione.
La felicità che per ognuno di noi ha diverse sfaccettature e significati, ma che ognuno di noi dovrebbe raggiungere per vivere serenamente, ad ogni età. 

Si respira un aria di famiglia, in cui tutti pedalano nella stessa direzione per lo stesso traguardo, il regista è riuscito a creare appunto una grande famiglia, un qualcosa di magico.
Un film piacevole, per tutti e con un messaggio positivo, risultato di ottimo livello, con una spesa davvero contenuta, che il pubblico in sala ha saputo apprezzare e applaudire, in attesa del suo prossimo film(il terzo), le cui riprese partiranno da fine gennaio, non possiamo far altro che consigliare la visione e complimentarci con il regista per l'ottimo lavoro. 
Complimenti Roberto.


Trailer del film:





Post popolari in questo blog

SALONE DEL VINO DI TORINO

SALONE DEL VINO DI TORINO Esplora il Piemonte attraverso i suoi vini  2, 3 E 4 MARZO 2024 II edizione Torna il Salone del Vino di Torino, da sabato 2 a lunedì 4 marzo. Da martedì 27 febbraio il palinsesto del Salone OFF, con una settimana di eventi diffusi in tutta la città Il Salone del Vino di Torino cresce: 500 le cantine attese, tra weekend di esposizione ed eventi OFF, e più di 100 gli appuntamenti in città. Nasce inoltre un comitato scientifico www.salonedelvinotorino.it   Torino, 12 febbraio 2024 - Il Salone del Vino di Torino giunge alla sua II edizione da sabato 2 a lunedì 4 marzo all’interno di due spazi espositivi: le OGR Torino e il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano. Ad anticiparlo, una settimana di eventi diffusi in tutta la città all’interno di un ricco palinsesto OFF del Salone, che da quest’anno ruota attorno a due sedi principali, Il Circolo dei lettori e Combo Torino. Sono infatti oltre 100 gli appuntamenti in programma da martedì 27 febbraio che accompagnano

Robert Capa e Gerda Taro: la fotografia, l’amore, la guerra

Robert Capa e Gerda Taro: la fotografia, l’amore, la guerra 14 febbraio – 2 giugno 2024 A cura di Walter Guadagnini e Monica Poggi CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia presenta la mostra Robert Capa e Gerda Taro: la fotografia, l’amore, la guerra nelle sale del Centro espositivo di via delle Rosine a Torino dal 14 febbraio al 2 giugno 2024. Un’altra grande mostra - dopo le personali dedicate a Eve Arnold, Dorothea Lange e André Kertész - che racconta con oltre 120 fotografie uno dei momenti cruciali della storia della fotografia del XX secolo, il rapporto professionale e affettivo fra Robert Capa e Gerda Taro, tragicamente interrottosi con la morte della fotografa in Spagna nel 1937. Fuggita dalla Germania nazista lei, emigrato dall’Ungheria lui, Gerta Pohorylle ed Endre – poi francesizzato André – Friedmann (questi i loro veri nomi) si incontrano a Parigi nel 1934, e l’anno successivo si innamorano, stringendo un sodalizio artistico e sentimentale che li porta a freque

Mythos: Creature Fantastiche” inaugura a Torino

La nuova mostra “Mythos: Creature Fantastiche” inaugura a Torino, la capitale italiana dell'Esoterismo La Città Magica ospita la prima esposizione nel suo genere dal 7 marzo al 7 luglio 2024 presso le Antiche Ghiacciaie di Porta Palazzo al Mercato Centrale Torino.  Il fascino millenario di Torino si arricchisce di un nuovo capitolo di mistero e meraviglia con l'arrivo di Mythos: Creature Fantastiche, un'esperienza straordinaria che apre le porte delle Antiche Ghiacciaie di Porta Palazzo presso il Mercato Centrale Torino a partire dal 7 marzo 2024. La nuova mostra è pronta a svelare per la prima volta i segreti della magia bianca e delle creature leggendarie che popolano l'immaginario collettivo proprio nella città di Torino, la capitale italiana dell'esoterismo.  Nei miti le divinità e le figure leggendarie prendono vita e si trasformano, assumendo spesso forme ibride composte da animali reali, fantastici e anche da parti umane, creando così entità che incarnano le