Passa ai contenuti principali

DINOSAURI: TERRA DEI GIGANTI Torino


“DINOSAURI: TERRA DEI GIGANTI” FA RIVIVERE L'ERA PREISTORICA
ALLA STAZIONE DI TORINO PORTA NUOVA



Dal 22 febbraio al 30 giugno 2024 oltre 20 dinosauri in dimensioni originali animeranno la Sala degli Stemmi presso la stazione di Torino Porta Nuova, portandoci indietro nel tempo di oltre 230 milioni di anni.


Dal 22 febbraio al 30 giugno 2024

Presso la Stazione di Torino Porta Nuova - Sala degli Stemmi
Corso Vittorio Emanuele II, 58 Torino



Per la prima volta la meravigliosa Sala degli Stemmi presso la Stazione di Torino Porta Nuova sarà il palcoscenico di un'esperienza senza precedenti dove la storia prende vita in modo straordinario e ci riporta all’età dei dinosauri. La nuova esposizione Dinosauri: Terra dei Giganti, un vero e proprio cult in Italia, ospiterà infatti oltre 20 incredibili dinosauri, come il Tirannosauro, il Triceratops, il Velociraptor, il Dilofosauro, lo Spinosauro e l’Oviraptor, ciascuno con dettagli unici che sorprenderanno e incanteranno i visitatori. 

Dai maestosi artigli del Terizinosauro lunghi fino a 1 metro fino al misterioso Badajasauro con oltre venti corna sul collo, lo spettatore sarà trasportato in un mondo preistorico affascinante e coinvolgente. I dinosauri, sovrani incontrastati della Terra per oltre 172 milioni di anni, si sono trasformati nel corso del tempo per adattarsi al clima e alla terra, passando dall’essere pacifici erbivori dal collo lungo fino a diventare il formidabile T Rex. Attraverso la deriva dei continenti e i ponti terrestri, questi giganti hanno dominato ogni angolo del globo, lasciando dietro di sé un assortimento unico di rettili enormi. La mostra presenta gli esemplari in dimensioni originali accanto a fossili autentici, impronte, effetti sonori e video coinvolgenti, offrendo un'immersione totale nell'era preistorica.

Dinosauri: Terra dei Giganti non è solo un viaggio nel passato, ma un'opportunità per connettere il presente a un'epoca straordinaria, vivendo avventure indimenticabili e offrendo una panoramica completa sulla storia e l'evoluzione dei dinosauri, dalle loro prime apparizioni sulla Terra fino alla loro estinzione, grazie anche alla presenza di bacheche didattiche di approfondimento. I bambini rimarranno ad occhi aperti e avranno anche l'opportunità di cimentarsi nel ruolo di paleontologi, partecipare a scavi alla ricerca di fossili e apprendere segreti e curiosità dei giganti del passato. 

"Ciò che rende Dinosauri: Terra dei Giganti una mostra unica è la capacità di trasportare i visitatori in un’altra epoca, un'esperienza in grado di affascinare sia i più giovani sia gli adulti", afferma Gianluca Salvadori, curatore della mostra e co-founder di Naturaliter. "Con la presenza di una ricostruzione aggiornata dello Spinosauro basata sulle ultime scoperte scientifiche e l'innovativo utilizzo del green screen che permette ai visitatori di immergersi direttamente nel mondo dei dinosauri, la mostra offre un viaggio entusiasmante attraverso i confini della realtà e della fantasia."

“Diversi ambiti scientifici hanno giocato un ruolo fondamentale nel progresso e nella comprensione del mondo dei dinosauri, spaziando dalla biologia alla fisica e alla chimica” dichiara Rudy Rossetto, Presidente dell’Ordine dei Biologi della Lombardia. “Anche oggi, la biologia evolutiva dei dinosauri continua ad attrarre l'attenzione di molti biologi. Restano ancora numerosi gli enigmi da risolvere non solo riguardo all'aspetto morfologico di queste creature preistoriche, ma soprattutto per quanto riguarda la loro biologia, gli alberi filogenetici tra le diverse specie di dinosauri e la genetica. I biologi, in quanto ricercatori, sono guidati dalla loro curiosità nel risolvere gli enigmi che ancora circondano il mondo dei dinosauri. Questa spinta verso la scoperta continua a motivarli, mentre i rapidi progressi nella genetica e nelle tecnologie emergenti promettono di aprire nuovi orizzonti. Ciò che una volta sembrava impossibile è ora alla portata, e ci aspettiamo che tali avanzamenti portino a scoperte incredibili che solo qualche anno fa sembravano al di là della nostra immaginazione. Riconoscendo il ruolo dei biologi nello studio sui dinosauri, Ordine dei Biologi della Lombardia vuole sostenere attraverso patrocinio questo affascinante evento”.


Visita la mostra per entrare in un mondo sospeso nel tempo e vivere un'esperienza divertente e istruttiva per tutta la famiglia.

I biglietti sono acquistabili sul sito ufficiale della mostra www.dinosauriterradeigiganti.it o su www.happyticket.it, www.ticketone.it e www.vivaticket.com.



Luogo

Stazione di Torino Porta Nuova 

presso Sala degli Stemmi

Corso Vittorio Emanuele II, 58 – Torino



Date e orari

Dal 22 febbraio al 30 giugno 2024

Da giovedì a domenica: dalle 10 alle 19 (ultimo ingresso ore 18)

IMPORTANTE: Sono previste numerose aperture straordinarie, sia in giornate festive sia infrasettimanali, si prega di consultare il calendario online sul sito ufficiale www.dinosauriterradeigiganti.it 

 

Biglietti
Biglietto intero: 14.50€ giorni infrasettimanali / €16,50 weekend e festivi
Biglietto ridotto bambini 4-17 anni: €9 giorni infrasettimanali / €10 weekend e festivi


Info e prenotazioni

Email: info@dinosauriterradeigiganti.it

Telefono: +39 333 9969060  





Post popolari in questo blog

SALONE DEL VINO DI TORINO

SALONE DEL VINO DI TORINO Esplora il Piemonte attraverso i suoi vini  2, 3 E 4 MARZO 2024 II edizione Torna il Salone del Vino di Torino, da sabato 2 a lunedì 4 marzo. Da martedì 27 febbraio il palinsesto del Salone OFF, con una settimana di eventi diffusi in tutta la città Il Salone del Vino di Torino cresce: 500 le cantine attese, tra weekend di esposizione ed eventi OFF, e più di 100 gli appuntamenti in città. Nasce inoltre un comitato scientifico www.salonedelvinotorino.it   Torino, 12 febbraio 2024 - Il Salone del Vino di Torino giunge alla sua II edizione da sabato 2 a lunedì 4 marzo all’interno di due spazi espositivi: le OGR Torino e il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano. Ad anticiparlo, una settimana di eventi diffusi in tutta la città all’interno di un ricco palinsesto OFF del Salone, che da quest’anno ruota attorno a due sedi principali, Il Circolo dei lettori e Combo Torino. Sono infatti oltre 100 gli appuntamenti in programma da martedì 27 febbraio che accompagnano

Robert Capa e Gerda Taro: la fotografia, l’amore, la guerra

Robert Capa e Gerda Taro: la fotografia, l’amore, la guerra 14 febbraio – 2 giugno 2024 A cura di Walter Guadagnini e Monica Poggi CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia presenta la mostra Robert Capa e Gerda Taro: la fotografia, l’amore, la guerra nelle sale del Centro espositivo di via delle Rosine a Torino dal 14 febbraio al 2 giugno 2024. Un’altra grande mostra - dopo le personali dedicate a Eve Arnold, Dorothea Lange e André Kertész - che racconta con oltre 120 fotografie uno dei momenti cruciali della storia della fotografia del XX secolo, il rapporto professionale e affettivo fra Robert Capa e Gerda Taro, tragicamente interrottosi con la morte della fotografa in Spagna nel 1937. Fuggita dalla Germania nazista lei, emigrato dall’Ungheria lui, Gerta Pohorylle ed Endre – poi francesizzato André – Friedmann (questi i loro veri nomi) si incontrano a Parigi nel 1934, e l’anno successivo si innamorano, stringendo un sodalizio artistico e sentimentale che li porta a freque

Mythos: Creature Fantastiche” inaugura a Torino

La nuova mostra “Mythos: Creature Fantastiche” inaugura a Torino, la capitale italiana dell'Esoterismo La Città Magica ospita la prima esposizione nel suo genere dal 7 marzo al 7 luglio 2024 presso le Antiche Ghiacciaie di Porta Palazzo al Mercato Centrale Torino.  Il fascino millenario di Torino si arricchisce di un nuovo capitolo di mistero e meraviglia con l'arrivo di Mythos: Creature Fantastiche, un'esperienza straordinaria che apre le porte delle Antiche Ghiacciaie di Porta Palazzo presso il Mercato Centrale Torino a partire dal 7 marzo 2024. La nuova mostra è pronta a svelare per la prima volta i segreti della magia bianca e delle creature leggendarie che popolano l'immaginario collettivo proprio nella città di Torino, la capitale italiana dell'esoterismo.  Nei miti le divinità e le figure leggendarie prendono vita e si trasformano, assumendo spesso forme ibride composte da animali reali, fantastici e anche da parti umane, creando così entità che incarnano le