Passa ai contenuti principali

Daniele Licata

5 domande a...

Oggi, nella periferia di Torino nord, noi di cosa fare a Torino e dintorni, incontriamo un ragazzo ambizioso e ironico, che svolge con passione tutto ciò che fa, lui è Daniele Licata, conosciamolo meglio:

Cos’è Fondazione 107?
La Fondazione nasce nel 2009 all’interno di un ex spazio industriale, situato nel quartiere di Madonna di Campagna a Torino. Un suggestivo, incredibilmente caratterizzato spazio espositivo di 1.500 metri quadri, che in questi anni ha presentato progetti legati ad assoluti protagonisti del contemporaneo - da Thomas Lange a Urs Luthi, da Paul Kramer ad Aldo Mondino. Caratteristici di Fondazione 107 sono la vocazione all’internazionalità, la valorizzazione dei talenti emergenti e il dibattito sulle più attuali ricerche postindustriali e geopolitiche. Dall’inizio dell’anno ho il piacere di assistere il direttore, Federico Piccari, nella direzione e nella promozione di questo gioiello.

Quale sarà il prossimo evento in Fondazione?
Lo scorso 13 ottobre abbiamo chiuso Hortus Conclusus, la grande mostra collettiva con la quale abbiamo festeggiato il primo decennale di attività, e sabato 19 ci apprestiamo a inaugurare ben tre mostre personali!
Siamo molto emozionati per 12 Horses, esordio europeo per la pittrice americana Lara Nickel che ha trascorso gli ultimi quattro anni ad orchestrare un imponente omaggio al genio di Jannis Kounellis. In particolare, il suo solo show celebra la mostra del 1969 in cui il maestro dell’Arte Povera invase la galleria L’Attico di Roma con dodici cavalli vivi: un’operazione radicale – ancora oggi contemporanea, nodale, studiatissima – che ha messo in crisi l’idea di oggetto d’arte. L’artista rileggerà Kounellis con la pittura e attraverso una dimensione dal potente impatto installativo.
Insieme a 12 Horses inaugureremo anche Tra un picnic e il caos, solo project firmato dal giovane artista udinese Nicola Toffolini, i cui disegni sono famosi sia per la personalissima interpretazione della varetà del mondo naturale, sia per la minuziosa rappresentazione dei dettagli: per Nicola disegnare significa dare vita a un atto fisico, performativo, un gesto vitale che cerca di comprendere l’universo. Last, but not least, Fondazione 107 dedica un accorato omaggio al maestro Franco Rasma, che da svariati anni espone i suoi lavori attraverso un ciclo titolato Mehr Licht, letteralmente ‘più luce!’, ispirandosi a quelle che sembrano essere state le ultime parole di Goethe sul letto di morte. Fautore di una produzione originale e raffinata, Rasma è scultore e pittore, e tutti i suoi lavori – che si tratti di teste umane in cemento oppure di oli su tavola – sono un’ossessiva, liturgica ricerca della luce, di una speranza ricercata attraverso la comprensione dell’ombra e del buio.   
Quando e dove i nostri lettori ti possono conoscere di persona?
La Fondazione è aperta al pubblico ogni settimana dal giovedì alla domenica, dalle 14 alle 19, e tra le nostre attività figurano sia i progetti educational (in collaborazione con un’altra eccellenza museale, l’Officina della Scrittura) che le visite guidate.  

Qual è il tuo sogno?
Sto già lavorando al mio sogno, ovvero quello di diventare un professionista del contemporaneo, scisso tra gli aspetti pratici della produzione (mostre, comunicazione, contenuti) e le attività educative, che svolgo con passione in musei ed istituzioni prestigiose quali la Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli, CAMERA – Centro Italiano di Fotografia, il Castello di Rivoli. Credo che il sogno sia proprio questo, non perdere mai la passione. E amare, amare sempre e tanto. 
Chi è Daniele Licata?
Un ragazzo che vive di arte e per l’arte, e che ogni giorno cerca di capire come i concetti profondi e complessi possano diventare accessibili a più persone possibile. “Una persona che sa tutto ma che fa di tutto per non fartelo notare”, come disse qualcuno una volta. Ma soprattutto, e questo lo sottolineo sempre, ciò che più amo è far ridere il pubblico (chissà se c’entra il fatto che a teatro i ruoli comici non me li assegnavano mai). I musei, le gallerie, le fondazioni sono spesso luoghi noiosi, ammettiamolo: proprio perché reputo l’opera d’arte un fondamentale dispositivo di conoscenza, la mia missione è svolgere questo compito alternando ai contenuti sapienti dosi d’ironia, cercando di dare forma a dimensioni esperienziali. Me l’ha insegnato Maurizio Cattelan, artista par excellence per il quale ho avuto l’onore di lavorare, e grazie al quale ho deciso quale era la strada che tuttora percorro. 
Contatti social:
Grazie Daniele per la tua disponibilità riservataci e a presto.



Post popolari in questo blog

SALONE DEL VINO DI TORINO

SALONE DEL VINO DI TORINO Esplora il Piemonte attraverso i suoi vini  2, 3 E 4 MARZO 2024 II edizione Torna il Salone del Vino di Torino, da sabato 2 a lunedì 4 marzo. Da martedì 27 febbraio il palinsesto del Salone OFF, con una settimana di eventi diffusi in tutta la città Il Salone del Vino di Torino cresce: 500 le cantine attese, tra weekend di esposizione ed eventi OFF, e più di 100 gli appuntamenti in città. Nasce inoltre un comitato scientifico www.salonedelvinotorino.it   Torino, 12 febbraio 2024 - Il Salone del Vino di Torino giunge alla sua II edizione da sabato 2 a lunedì 4 marzo all’interno di due spazi espositivi: le OGR Torino e il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano. Ad anticiparlo, una settimana di eventi diffusi in tutta la città all’interno di un ricco palinsesto OFF del Salone, che da quest’anno ruota attorno a due sedi principali, Il Circolo dei lettori e Combo Torino. Sono infatti oltre 100 gli appuntamenti in programma da martedì 27 febbraio che accompagnano

Robert Capa e Gerda Taro: la fotografia, l’amore, la guerra

Robert Capa e Gerda Taro: la fotografia, l’amore, la guerra 14 febbraio – 2 giugno 2024 A cura di Walter Guadagnini e Monica Poggi CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia presenta la mostra Robert Capa e Gerda Taro: la fotografia, l’amore, la guerra nelle sale del Centro espositivo di via delle Rosine a Torino dal 14 febbraio al 2 giugno 2024. Un’altra grande mostra - dopo le personali dedicate a Eve Arnold, Dorothea Lange e André Kertész - che racconta con oltre 120 fotografie uno dei momenti cruciali della storia della fotografia del XX secolo, il rapporto professionale e affettivo fra Robert Capa e Gerda Taro, tragicamente interrottosi con la morte della fotografa in Spagna nel 1937. Fuggita dalla Germania nazista lei, emigrato dall’Ungheria lui, Gerta Pohorylle ed Endre – poi francesizzato André – Friedmann (questi i loro veri nomi) si incontrano a Parigi nel 1934, e l’anno successivo si innamorano, stringendo un sodalizio artistico e sentimentale che li porta a freque

Mythos: Creature Fantastiche” inaugura a Torino

La nuova mostra “Mythos: Creature Fantastiche” inaugura a Torino, la capitale italiana dell'Esoterismo La Città Magica ospita la prima esposizione nel suo genere dal 7 marzo al 7 luglio 2024 presso le Antiche Ghiacciaie di Porta Palazzo al Mercato Centrale Torino.  Il fascino millenario di Torino si arricchisce di un nuovo capitolo di mistero e meraviglia con l'arrivo di Mythos: Creature Fantastiche, un'esperienza straordinaria che apre le porte delle Antiche Ghiacciaie di Porta Palazzo presso il Mercato Centrale Torino a partire dal 7 marzo 2024. La nuova mostra è pronta a svelare per la prima volta i segreti della magia bianca e delle creature leggendarie che popolano l'immaginario collettivo proprio nella città di Torino, la capitale italiana dell'esoterismo.  Nei miti le divinità e le figure leggendarie prendono vita e si trasformano, assumendo spesso forme ibride composte da animali reali, fantastici e anche da parti umane, creando così entità che incarnano le